Questo slideshow richiede JavaScript.

Si è da poco conclusa a Cannes la 30° edizione del MIPIM, una delle più grandi manifestazioni del settore immobliliare che quest’anno aveva come tema principale “Engaging the Future” ovvero coinvolgere il futuro.

In sostanza si è parlato di impatto delle nuove tecnologie, cambiamento climatico, nuovi comportamenti umani e miglioramento delle prestazioni degli edifici. Questa edizione speciale del MIPIM 2019 si è concentrata più che mai su argomenti globali e sociali che incidono sul settore immobiliare.

Come succede dal 1991, ad arricchire l’evento si sono svolti i MIPIM Awards 2019 ed anche quest’anno l’Italia è arrivata in finale con ben tre progetti.

Vincitori italiani

A tenere alto il settore immobiliare del Bel Paese sono stati in particolare due progetti che hanno vinto le loro categorie, scopriamoli insieme.

Club Med di Cefalù

Vincitore nella categoria “Best Hotel & Tourism Resort” questo è un resort di fascia alta, nato sull’originale insediamento di capannine acquistato dal gruppo francese nel lontano 1957. Riaperto nel 2018 dopo una profonda ristrutturazione costata quasi 90 milioni di euro, la struttura si presenta oggi con una capienza di oltre 300 camere una villa settecentesca, tre ristoranti ed i servizi top di gamma offerti da Club Med.

The Student Hotel Lavagnini

Questo studentato di lusso ha vinto nella categoria “Mixed-use Development” ed è il frutto di un’originale idea del suo proprietario, Charlie Mac Gregor, che per la sua realizzazione dichiara di aver speso oltre 50 milioni di euro. Piscina all’ultimo piano con vista Duomo, area fitness, libreria, ristorante e tanto di terrazza per studiare guardando dall’alto Firenze sono solo alcuni dei servizi esclusivi offerti agli studenti. Il prezzo mensile per una camera varia tra i 1.000 ed i 1.200 euro al mese.

Non ha purtroppo vinto nella categoria “Shopping Centre” il milanese City Life che, pur arrivato in finale, ha ceduto lo scettro al giapponese Hirakata T-Site. Se volete quì trovate i vincitori dell’edizione 2018 dove a Milano era andata decisamente meglio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *